Sfrattato, dà fuoco all’alloggio vicino a Torino

E’ accaduto vicino a Torino, a Buriasco. A seguito di uno sfratto legale dall’appartamento in cui viveva vicino a Torino, dopo la notifica degli atti, ha dato un fuoco all’immobile ed è stato tratto in salvo dai Vigili del Fuoco.

La vicenda legale a Torino è la classica vicenda dell’inquilino sfrattato che si oppone allo sfratto. In questi giorni si susseguono vicende legali di questo tipo, specialmente a Torino e paesi limitrofi, vicende che vedono impegnato anche lo studio legale, che si occupa di notificare gli atti e di partecipare all’udienza di convalida: lo sfratto per morosità a Torino, anche a causa dell’assenza di valide politiche della casa – ricordiamo che a Torino avere una casa popolare è impossibile, bisogna essere totalmente nullatenenti, perchè anche solo l’esistenza di una partita i.v.a. aperta viene considerato indice di reddito anche se il soggetto è nullatenente -, è diventato un vero incubo per chi non è proprietario di una casa di abitazione; minacce di suicidio, tentativi di opposizione, incendio di immobile e tanti altri fenomeni ormai sono all’ordine del giorno, l’inquilino cerca di difendere l’immobile in tutti i modi. Dall’altra, le difficoltà sempre più serie per i proprietari di ottenere uno sfratto, vuoi perchè manca la collaborazione delle istituzioni, vuoi per il termine di grazia concesso sempre ai non paganti che si presentano in udienza, vuoi per le difficoltà estreme di notificare gli atti a soggetti scomparsi all’estero, vuoi, infine, per l’esistenza di assegnazioni in tema familiare della casa coniugale.

A Torino lo Studio Duchemino si occupa di sfratti da molti anni e le vicende sono delle più varie.

Nel caso di Buriasco, i cinquantatreenne si è trovato sfrattato e ha pensato bene di attuare un gesto eclatante per attirare l’attenzione dei media.

Lo sfratto per morosità a Torino è diventato, quindi, un fenomeno diffuso e problematico.

Articolo redatto a Torino da Studio Duchemino il 18 gennaio 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *