Vai al contenuto

Provvigione: quali obblighi dell’agenzia immobiliare? Alcuni chiarimenti dell’avvocato immobiliarista

La provvigione dell’agente immobiliare è il suo compenso.

Molti si chiedono quando è dovuto, ma questo dipende principalmente dal tipo di rapporto legale che c’è con il cliente, se si tratta di mediazione tipica o atipica.

Nelle grandi città italiane, a Roma e a Milano, ma anche in molti altri luoghi, vi è un intenso scambio di immobili e le agenzie immobiliari svolgono un ruolo decisivo, in quanto poche sono le transazioni “senza agenzia”, fatte per risparmiare un po’. L’agenza, infatti, dovrebbe garantire con la sua struttura, i suoi investimenti e il suo impegno, di trovare un acquirente o un venditore. Il punto fondamentale, però, è che le cose cambiano tra mediazione tipica e atipica. Nella tipica, infatti, la provvigione è dovuta solo se l’affare è concluso, nell’atipica anche se viene fornita una semplice proposta – a condizione che sia in linea con quanto pattuito col cliente. Molti clienti, infatti, a Roma e in altre città, si rivolgono all’avvocato immobiliarista per denunciare una situazione particolare: l’agenzia ha sì fornito una proposta, ma questa non sarebbe conforme per condizioni e prezzo a quanto pattuito nel mandato conferito dal cliente.

Questo significa, propriamente, che l’agente ha impegnato la struttura di impresa in modo inutile, fornendo un affare che non va bene.

Il Tribunale di Roma, sentenza 24 maggio 2014, ha stabilito che se alla proposta segue l’accettazione senza modifiche, sorge il diritto alla provvigione (nella mediazione tipica).

Quando si hanno dubbi, bisogna rivolgersi all’avvocato prima che il danno sia definitivo.

L’avvocato chiarirà anzitutto che tipo di rapporto si è instaurato e in secondo luogo quando e se la provvigione è dovuta, in quanto spesso le agenzie immobiliari tentano il tutto e per tutto e non è detto che la provvigione sia dovuta in quanto magari la proposta non era conforme a quanto richiesto o l’agenzia si è macchiata di gravi colpe. Un fenomeno che è abbastanza diffuso a Roma, ma anche in altre città italiane, si verifica quando alcuni clienti vengono lasciati in sospeso e la loro proposta viene superata da altra proposta proveniente da un altro cliente che l’agenzia nel frattempo ha trovato.

Si tratta di fenomeni da valutare caso dopo caso, nel dettaglio, per verificare se è sorto o meno il diritto dell’agenzia ad essere pagata o addirittura se è l’agenzia a dover risarcire i danni al cliente.

Articolo redatto ad Alpignano il 18 novembre 2022 da Studio Duchemino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now Button