Preliminare con consegna anticipata: l’opinione dell’avvocato immobiliarista

Che cos’è il contratto preliminare con consegna anticipata e che significato ha? In questo articolo cerchiamo di approfondire questo tema molto diffuso. Per preliminare si intende il cosiddetto “compromesso”, l’impegno che precede l’atto notarile di acquisto di un immobile. Esso ha valenza obbligatoria, obbliga cioè a rivolgersi al Notaio per l’atto definitivo.

Per “consegna anticipata” si intende l’esecuzione anticipata, prima ancora del versamento di tutto o di parte del prezzo e nelle compravendite di immobili prende la forma della consegna anticipata delle chiavi.

Come tutelarsi? L’avvocato immobiliarista suggerirà anzitutto “se” procedere con la consegna anticipata. La valutazione spetta all’avvocato immobiliarista, dovendosi considerare tante variabili tra cui il prezzo, le modalità di pagamento e le tempistiche. Secondo la Cass. civ., Sez. VI – 2, Ordinanza, 14/05/2018, n. 11605,

il promittente venditore ha diritto agli interessi compensativi ex art. 1499 c.c. esclusivamente per il periodo successivo alla data prevista per la stipulazione del definitivo, ancorché il promittente acquirente abbia ritardato il pagamento del saldo per causa a lui non imputabile o avvalendosi dell’eccezione di inadempimento, e non pure per il periodo intercorrente tra la data della consegna anticipata del bene e quella della stipulazione del definitivo

Ricordiamo che secondo la giurisprudenza

in tema di contratto preliminare ad effetti anticipati (o preliminare improprio), nel quale le parti, nell’assumere l’obbligo della prestazione del consenso al contratto definitivo, convengono l’anticipata esecuzione di alcune delle obbligazioni nascenti dal contratto, quale la consegna immediata del bene al promissario acquirente, con o senza corrispettivo, la disponibilità del bene ha luogo con la piena consapevolezza dei contraenti che l’effetto traslativo non si è ancora verificato, risultando piuttosto dal titolo l’altruità della cosa (Cass. civ., Sez. I, Sentenza, 09/06/2011, n. 12634).

In questi casi è profondamento opportuno contattare un avvocato immobiliarista a Torino per farsi dire quali sono i diritti del venditore e dell’acquirente, specialmente nel caso di recesso, risoluzione, fenomeni quali l’impossibilità sopravvenuta ….; anche in questo tempo di Covid-19, molti utenti chiedono all’avvocato come districarsi qualora vi siano preliminari con consegna anticipata delle chiavi già realizzati e firmati. Che fare? Solo l’analisi del singolo caso può aiutare, a questo proposito lo Studio mette a disposizione un servizio di consulenza legale on line e a distanza a Torino e in tutta Italia.

Articolo redatto ad Alpignano da Studio Duchemino il 14 aprile 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *