Le universiadi del trading

Oggi, 23 ottobre 2015, l’agenzia giornalistica ANSA dà la notizia che prendono il via le universiadi del trading di Directa.

Il trading è la pratica di compravendita di azioni e titoli di borsa – e in generale di strumenti finanziari – che avviene on line, grazie alle piattaforme convenzionate con gli Istituti di Credito o autonome, le quali mettono a disposizione grafici e conti per operare – spesso anche con conti “demo” per fare pratica. Le Universiadi sono una iniziativa di Directa, la più nota ed efficiente piattaforma di trading e sono patrocinate anche dal Ministero dello Sviluppo Economico. Si tratta di una vera e propria gara che si svolgerà tra il 28 ottobre e il 6 maggio 2016 e che è stata presentata a Milano, a Palazzo Mezzanotte.

Verranno messi a disposizione € 5.000 per poter operare. Si tratta di un finanziamento per i ragazzi che vogliono partecipare. Grazie alla leva finanziaria, saranno possibili investimenti fino a € 50.000 in virtù del finanziamento ricevuto.

Negli ultimi anni si è diffusa la pratica del trading on line, semplice perchè gestibile “da casa” tramite le apposite piattaforme. Noto esempio di piattaforma, convenzionata con Istituti di Credito che non hanno propria piattaforma, ma non solo, è la Directa: http://www.directa.it/

E’ importante ricordare che esistono diversi tipi di investitore, e quindi di trader: chi investe in giornata, compravendendo tra il momento di apertura della Borsa, e la chiusura di fine giornata; oppure i cassettisti che conservano i titoli sul lungo periodo, lucrando i dividendi. Esistono poi principalmente due visioni del trading, quella basata sull’analisi fondamentale, cioè la verifica specifica dei dati economici aziendali e dei parametri di redditività e produttività di una singola impresa, e l’analisi tecnica, basata sui grafici e sulla statistica, cioè in generale sui vari indicatori di Borsa, che non anticipano i risultati dei titoli, ma forniscono comunque indicazioni importanti sull’andamento statistico.

Articolo redatto il 23 ottobre 2015 a Torino da Studio Duchemino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *