Immobile familiare adibito ad impresa: cessione sottoposta ad i.v.a. in ogni caso

Corte di cassazione civile, sez. V, 14 febbraio 2018, n. 3557 propende per questa soluzione: anche se l’immobile adibito ad impresa è di tipo familiare, cioè destinato alla famiglia, essendo cointestato tra marito e moglie, la sua cessione è soggetta interamente ad i.v.a, senza che si possa distinguere il piano imprenditoriale e la quota non imprenditoriale. Soluzione indubbiamente favorevole al Fisco che aveva resistito alla soluzione della Commissione Tributaria.

La Commissione Tributaria, spiega l’avvocato immobiliarista, aveva preferito dire che:

la vendita in questione fosse assoggettata ad Iva limitatamente alla quota di comproprietà del terreno ascrivibile al C., la cui qualità di imprenditore agricolo era incontroversa

La Corte di Cassazione, invece, fa chiarezza affermando che:

Sul punto, si ritiene che la decisione della commissione tributaria regionale si ponga in contrasto con il costante orientamento di legittimità, al quale va data continuità, secondo cui (Cass. n. 12853 del 12 luglio 2004): “La cessione di un immobile di proprietà di coniugi in regime di comunione legale dei beni e utilizzato per l’esercizio dell’impresa individuale di uno di essi è soggetta ad IVA: tale soggezione è assorbente rispetto a quella ad imposta di registro, in quanto, dal punto di vista tributario, la cessione non è un atto plurimo avente ad oggetto singole quote di comune proprietà valutabili separatamente in dipendenza della natura dei soggetti proprietari, ma un atto unitario, rilevante oggettivamente come atto d’impresa”.

Si spiega cioè che la cessione di un bene, suddiviso per quote tra vari contitolari, almeno dal punto di vista tributario si qualifica come un unico atto e questo è il motivo della predominanza della finalità imprenditoriale che rende la cessione assoggettabile ad i.v.a..

Nella sentenza la Corte richiama anche i seguenti precedenti: Cass. 9036/97 e 3433/96.

Se hai un problema immobiliare, contatta immediatamente lo Studio Duchemino, avvocato immobiliarista a Torino, esponendo il quo quesito e ricevendo così la consulenza immobiliare.

Articolo redatto a Torino da Studio Duchemino l’11 aprile 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *