Fare causa a Torino contro il coniuge

Come fare causa a Torino al coniuge?

Le principali cause al coniuge sono la separazione, il divorzio, gli alimenti e il mantenimento. Nella vita familiare si arriva ad un punto in cui è inevitabile fare causa al coniuge, semplicemente perchè la convivenza è diventata intollerabile. Ebbene, la legge tutela il coniuge che vuole fare causa a Torino al proprio coniuge, in quanto motivo di separazione è l’intollerabilità della convivenza, senza contare i danni ai figli che si possono creare a causa di convivenze forzate tra persone che non vanno d’accordo.

L’obiettivo di chi fa causa a Torino al coniuge è separarsi da lui, smettere quindi la convivenza, ottenere l’affidamento dei figli e l’assegnazione della casa e un assegno di mantenimento sia per sè sia per i figli.

L’obiettivo di far causa al coniuge non è illegittimo, in quanto in alcuni casi solo la causa al coniuge è una soluzione praticabile, in quanto è impossibile un accordo – cd. separazione consensuale/divorzio congiunto -.

Chi ha deciso di fare causa a Torino al coniuge deve contattare un avvocato di Torino per la separazione in quanto la regola radica la competenza nel tribunale del luogo di ultima residenza comune. I coniugi infatti all’inizio della vita coniugale dovrebbero stabilire un indirizzo dove vivere, non sempre peraltro lo fanno.

Il tribunale del luogo dove risiedono è quello che dovrà decidere la causa contro il coniuge, a Torino in questo caso.

In queste ipotesi è possibile l’avvocato gratuito a Torino. Ne abbiamo parlato nelle recenti guide sull’avvocato gratuito per la separazione, che abbiamo pubblicato appositamente per chi vuole fare causa gratis al coniuge. Cliccare qui.

Chi, pur litigando, vorrebbe riconciliarsi col coniuge, può contattare l’avvocato sulla base di queste indicazioni. Cliccare qui.

Chi fa causa al proprio coniuge potrebbe raggiungere, invece, un accordo. Tuttavia, non sempre l’accordo, integrato di solito dal Protocollo del Tribunale competente per territorio, viene realmente rispettato. L’accordo non rispettato tra coniugi, implica una nuova causa contro il coniuge, questa volta di tipo esecutivo.

E’ importante scegliere un avvocato preciso, rapido, onesto e soprattutto dedito alla difesa, anche perchè non sempre gli accordi tra coniugi sono la soluzione migliore, specialmente in caso di coniugi che hanno dato tutto all’altro coniuge nel corso della vita matrimoniale e non sono più disposti a cedere su nulla.

Articolo redatto ad Alpignano il 30 settembre 2021 da Studio Duchemino – staff FAMIGLIA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *