Dividere l’eredità: quando consultare l’avvocato immobiliarista. Miniguida per la divisione ereditaria di beni in comune

Quando muore una persona, a parte il dolore della perdita, si verificano sovente problemi ereditari. Si hanno problemi ereditari quando più eredi si trovano ad ereditare lo stesso patrimonio, cioè sono chiamati tutti all’eredità e si trovano a dover condividere, anche di malavoglia, il patrimonio lasciato dal defunto, che spesso è il genitore. Dividere l’eredità è un diritto che spetta all’erede e che non può essere impedito.

Alle volte, però, altri coeredi decidono di comportarsi in modo da stancare l’erede: rendendo la vita a lui difficile, ci si trova poi in una situazione di condivisione non voluta. Per questo è importante rivolgersi all’avvocato immobiliarista, il quale potrà dare i giusti consigli nell’immediato e suggerire al cliente la strada giusta per liberarsi da situazioni sgradite a cui il defunto non ha voluto pensare, per risolvere anzitempo.

Certo, se il defunto ha fatto testamento dividendo il suo patrimonio, non ci sono problemi. Essi sorgono quando ha lasciato una comunione ereditaria, ha cioè lasciato a più persone in comune gli stessi beni.

Rivolgersi all’avvocato dopo aver accettato l’eredità è il primo passaggio importante; l’avvocato spiegherà che ognuno di noi ha diritto a dividere la sua quota, per legge. Se essa è comodamente divisibile o meno, sicuramente una soluzione potrà essere trovata, eventualmente davanti al Notaio (divisione convenzionale), oppure dal giudice (divisione giudiziale).

E’ importante informare l’avvocato immobiliarista di tutti i dati a disposizione: denuncia di successione, visure catastali, visure al PRA per le automobili lasciate dal defunto, tutte le visure necessarie a documentare il patrimonio, ivi inclusi i debiti.

Qualora ritieni di trovarti in una situazione di eredità comune, contatta immediatamente l’avvocato immobiliarista a Torino, il quale saprà indirizzarti sui passaggi giusti da compiere, anche perchè ogni ritardo è tempo perso. Le cause di divisione possono durare anni, se non decenni e tutto quello che si può fare, specialmente se uno degli eredi non vuole dividere, è quello di muoversi in anticipo.

La divisione sarà operata dal tribunale dopo una fase di accertamento nella quale si dichiarerà se esiste questo diritto a dividere.

Contattare l’avvocato dell’eredità è la cosa migliore, solo lui potrà aiutare il cliente in questa situazione complicata di eredità in comune, con immobili in comune con altri eredi che creano problemi.

Articolo redatto ad Alpignano da Studio Duchemino il 10 luglio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *