Come scegliere il proprio studio legale a Torino: guida alla scelta dell’avvocato a Torino

Quando si incappa in guai giudiziari e contese legali, ci si pone la fatidica domanda: come scegliere il proprio studio legale a Torino, senza incorrere in qualche sorpresa spiacevole? Nel torinese, infatti, l’offerta di servizi legali è veramente ampia. Si va dagli studi legali molto grandi, simili alle grandi società di avvocati negli U.S.A., fino all’avvocato “di quartiere”. Come valutare, però, uno studio legale a Torino?

E’ necessario prendere in considerazione alcuni parametri fondamentali: ad esempio il preventivo di spesa, il modo di informare circa la controversia e la chiarezza e trasparenza nel servizio legale, la rapidità di intervento e la disponibilità; la specializzazione. Gli studi con grande organico spesso sono molto onerosi, a livello economico e dispersivi se si considera che la pratica di rado viene affidata al titolare dello studio, molto più spesso ad un semplice collaboratore con scarsa o poca esperienza, magari appena assunto. La realtà delle grandi corporation in Italia fatica a prendere piede. A Torino gli studi legali hanno dimensioni medio-piccole e forse questo è ancora sinonimo di maggiore qualità e soprattutto di un miglior rapporto qualità prezzo.

Lo studio legale dovrebbe fornire preferibilmente un preventivo scritto, anche su richiesta; tale prassi è utile per capire a quali costi si va incontro, tenendo sempre presente che non è facile preventivare in modo esatto le spese della vertenza. E’ bene diffidare dal patto di quota lite. Si tratta di un patto secondo cui l’avvocato si fa pagare solo se la causa viene vinta, ma questa pratica distorce sicuramente la concorrenza, creando poche aspettative per l’avvocato, oltre ad essere sempre stata considerata illecita. Nell’ipotesi di patrocinio a spese dello Stato, l’avvocato deve informare correttamente dei limiti di reddito per fruire del servizio.

Diffidare, altresì, degli studi legali a Torino che offrono servizi a basso costo, o in totale svendita. L’enorme offerta ha fatto scendere i prezzi, ma non sempre a prezzi bassi corrispondono servizi legali di qualità, anzi. La poca esperienza di certi studi legali e la ricerca affannosa di pratiche nuove conduce molti legali a Torino a offrire servizi a bassi costi, con risultati disastrosi in termini di scarsa qualità e scarso impegno.

Lo studio legale Duchemino, operativo a Torino e su tutto il territorio nazionale, è impegnato da anni a garantire un servizio legale all’altezza delle aspettative: interventi rapidi, servizi efficienti e costi ben preventivati, al fine di garantire al cittadino un servizio all’altezza delle richieste. Inoltre, il rapporto personale e fiduciario con il proprio avvocato è fondamentale.

E’ molto importante valutare prima di incaricare l’avvocato, a cosa si va incontro: spesso non basta il passa parola e l’avvocato di “famiglia”, cui la famiglia si è sempre rivolta, non è sempre garanzia di successo, specialmente quando al vecchio titolare ben conosciuto si sostituiscono nuovi legali. Lo studio legale a Torino è una realtà in continua trasformazione; aprire gli occhi è fondamentale. Lo studio legale deve essere presente rispetto alle richieste di chiarimenti da parte del cliente, deve aggiornare in tempo utile il cliente delle novità della pratica e impostare le difese con largo anticipo e in modo approfondito.

E’ molto importante, nella scelta dello studio legale a Torino, domandare chiarimenti sulla polizza di responsabilità professionale: ogni avvocato a Torino e in genere ha l’obbligo di assicurarsi e rendere noti gli estremi di polizza o rendere agevole il recupero di queste informazioni. Meglio non affidarsi, quindi, ad avvocati a Torino di cui non si conoscono le fondamentali informazioni. E’ bene sapere, peraltro, che l’Ordine Avvocati di Torino possiede un Albo anche on line, consultabile liberamente, per ricavare le necessarie informazioni sul conto dell’avvocato.

L’avvocato deve essere chiaro anche sui profili deontologici e sul rispetto del codice deontologico forense, l’insieme delle regole che disciplinano la deontologia dell’avvocato.

Infine, lo studio legale a Torino deve essere informato e aggiornato. Non è bene che l’avvocato segua ogni genere di pratica; meglio, invece, che tratti delle materie su cui l’avvocato è certamente competente, per esperienza acquisita, evitando di assumere incarichi su materie non ben conosciute.

Articolo redatto a Torino da Studio Duchemino il 7 febbraio 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *