Come fare per cercare uno studio legale a Torino? La ricerca via web degli studi legali

In questo articolo vogliamo fornire un supporto per chi cerca uno studio legale a Torino e provincia. Molti, infatti, non hanno un avvocato di fiducia semplicemente perchè non hanno mai avuto bisogno di un avvocato. Molte persone, infatti, vengono a contatto con un avvocato una o due volte nella vita. Vale sempre il motto che “gli avvocati è meglio evitarli”!

Premesso questo, chi non conosce uno studio legale a Torino spesso si trova in crisi: come individuare uno studio legale a Torino che sia serio e professionale e, soprattutto, affidabile? Non è una cosa scontata, considerato il livello di insoddisfazione che molti clienti manifestano una volta incontrato l’avvocato. Ci sono professionisti seri e professionisti meno seri, come in tutte le realtà produttive. Questo articolo, quindi, vuole fornire alcuni criteri di riferimento per individuare uno studio legale a Torino, anche tramite internet. Chi non conosce un avvocato a Torino nella cerchia dei conoscenti e dei famigliari è costretto a riferirsi ad internet. Ecco alcuni suggerimenti fondamentali per evitare inganni, bufale o vere e proprie truffe.

Anzitutto, è bene precisare che esiste una normazione, fatta di regole deontologiche, che impone agli avvocati una certa serietà anche nel pubblicizzare la propria attività. Una delle regole più importanti, che permette al cittadino di individuare uno studio legale serio è quella di evitare assolutamente i siti web nel cui corpo non è contenuto il nome (o il cognome) dell’avvocato che si pubblicizza. Questo perchè si tratta nella maggior parte dei casi di piattaforme che promettono mari e monti: promettono cioè prestazioni a basso costo (realmente impossibili in certi casi: provate a pensare di andare al ristorante di pesce e pagare un conto di 5 euro a testa!). Oltre a questo, dal versante degli stessi avvocati, queste piattaforme dal nome generico chiedono agli avvocati denaro per aderire e procacciare clientela. Purtroppo si tratta di una pratica illegale, essendo vietato agli avvocati procacciarsi clienti con questi metodi. Gli avvocati spesso sono le stesse vittime di queste piattaforme.

E’ bene, quindi, come si è detto, far riferimento ai siti web che contengono nel “dominio” (www. … .it/com), cioè nella parte centrale dell’indirizzo internet del sito, il nome esplicito dello studio legale, o dell’avvocato da cui prende il nome.

In secondo luogo, ci si può basare certamente sulle recensioni, anche se non sono molto diffuse. In tutti i settori il sistema delle recensioni aiuta l’utente a scegliere. Nel settore legale è uno dei tanti criteri.

Quando si trova uno studio legale a Torino, va evitato certamente lo studio che contiene nel nome di dominio una frase generica (ad esempio studiodellavoro, studiodegli immobili). Si fanno esempi di fantasia. Si tratta di situazioni di “landing page”, pagine costruite per attirare le persone interessate a quella specifica ricerca internet, ma che tuttavia o bene o male rimandano ad avvocati in carne ed ossa che posseggono siti diversi.

Un altro suggerimento che si può fornire, per chi naviga alla ricerca di uno studio legale a Torino o di un avvocato specializzato a Torino è di evitare i siti che si pubblicizzano a pagamento. Solitamente si tratta dei primi tre risultati in alto, quando si digita una ricerca su google. Si tratta di avvocati che spendono con il sistema di adwords per ogni click, una determinata cifra variabile secondo le regole di una asta vera e propria. E’ bene ricordare che questo genere di pubblicità a pagamento è più tipica di prodotti e servizi, non di prestazioni professionali. In questo caso è bene preferire certamente i risultati di google nei quali non compare il segno della pubblicità, oppure semplicemente preferire i risultati che appaiono tra i primi nel google map, perchè si riferiscono a studi legali a Torino che coprono una determinata zona e sono più accessibili e verificabili di persona.

Nella scelta degli studi legali a partire da internet, va considerato anche il tipo di sito. E’ bene preferire i siti attivi, nei quali le ultime notizie non sono lontane nel tempo, ma che posseggono pubblicazioni recenti che dimostrano una costante attività di aggiornamento e di formazione dei legali. I siti “morti”, invece, appartengono ad un genere di studio legale che utilizza poco l’interfaccia di internet, non disponendo di un buon sistema di marketing.

Ricordiamo anche che l’individuazione dello studio legale migliore può avvenire tramite la ricerca di studi legali specializzati in determinate materie. Pur non esistendo una vera e propria specializzazione nel settore legale, tuttavia uno studio legale solitamente si occupa in prevalenza di una determinata materia nella quale i legali dello studio hanno maggiore dimestichezza. Ad esempio, si può trattare di un avvocato immobiliarista a Torino. La ricerca, pertanto, va fatta con queste diciture. E’ chiaro che più è precisa la ricerca (nella parole usate su google) e maggiore sarà la corrispondenza tra la competenza dell’avvocato e quanto richiesto dal cliente.

Articolo redatto a Torino da Studio Duchemino il 7 novembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *