Avvocati a Torino: perchè cercare un avvocato a Torino?

Cercare un avvocato a Torino, cioè avvalersi di un legale del capoluogo piemontese iscritto all’Ordine degli Avvocati di Torino, ha un suo perché. La scuola torinese di giurisprudenza vanta nomi eccellenti nella sua storia: Filippo Gallo, Mario Allara, Marcello Gallo, Giuliano Marini, il Prof. Grosso Giuseppe e Carlo Federico Grosso. Gli avvocati piemontesi possono quindi fruire del patrimonio dottrinale di diversi decenni di storia dell’università, nonché dell’esperienza giudiziaria degli anni Settanta e Ottanta.

Ma non è solo questo il motivo che induce a cercare un avvocato a Torino. La selezione dei nuovi avvocati a Torino avviene ogni anno con criteri particolarmente stringenti, fino a salvaguardare il solo 25 % degli iscritti alle prove. L’esame di avvocato, celebre per la sua difficoltà, è caratterizzato da prove particolarmente impegnative. L’avvocato a Torino è solitamente ben preparato nelle materie giuridiche fin dall’università, anche attraverso una serie di seminari di formazione professionale che già nelle aule universitarie vengono svolti per coordinare la formazione legale con il mondo del lavoro.

Gli elenchi di avvocati a Torino si possono trovare certamente su internet, tuttavia vi sono specifici siti web a cui fare riferimento se si cerca un avvocato a Torino. Il sito dell’Ordine degli Avvocati, che contiene una pagina di ricerca specifica di tipo nominativo e l’elenco degli avvocati appartenenti alle liste del patrocinio a spese dello Stato. Il sito del CNF – Consiglio Nazionale Forense – che riporta ovviamente tutti i nominativi di avvocato a Torino.

Nella scelta dell’avvocato a Torino si tenga conto dell’operatività degli avvocati torinesi su tutto il territorio nazionale, grazie alle specifiche tecniche del cosiddetto processo telematico. L’avvocato potrà iniziare i procedimenti e coltivarli anche su tribunali lontani mediante lo strumento telematico, con le dovute precisazioni. Scegliere un avvocato a Torino diventa così garanzia di una consulenza legale e di una assistenza a tutto tondo. Gli avvocati a Torino hanno organizzato un vasto e ricco insieme di corsi di formazione, convegni e approfondimenti, seminari per la formazione permanente che garantiscono al corpo professionale la cultura necessaria per gli aggiornamenti e per stare al passo con i tempi. L’Ordine degli Avvocati di Torino garantisce, a sua volta, un controllo disciplinare preciso sugli avvocati a Torino, in modo che vengano concretamente rispettate le norme deontologiche contenute nel codice deontologico.

La ricerca di un avvocato a Torino avviene sicuramente tramite il passaparola, ma anche tramite altri canali, quali i sindacati, le associazioni, le organizzazioni di tutela del consumatore. L’avvocato a Torino opera in un Foro che mantiene alti standard di qualità e velocità. Non così è per tutti i tribunali e fori piemontesi, alcuni dei quali particolarmente lenti nelle decisioni e nel disbrigo dei procedimenti: Vercelli e Biella, anzitutto.

Resta inteso che le regole di competenza territoriale del giudice naturale impediscono al cittadino di scegliersi il tribunale preferito, in quanto il giudice naturale è precostituito per legge e non potrà essere modificato se non quando la scelta del Foro contempla un foro alternativo o concorrente.

Scegliere un avvocato a Torino implica anche la scelta di un avvocato tra varie possibilità. L’alternativa del grande studio, la law firm, che solitamente assiste grandi aziende e clienti di notevoli dimensioni, formato da diversi avvocati giovani e meno giovani, strutturati in forme complesse. Oppure l’avvocato generalista, o titolare del suo studio, che lavora prevalentemente in proprio, senza forme di collaborazione. Ogni esigenza del cliente trova soddisfazione in un certo tipo di studio legale a Torino: il “grande” studio risponderà più all’esigenza di chi vuole tra le aule giudiziarie poter contare su nomi importanti, a discapito spesso della personalizzazione del rapporto di fiducia tra cliente e avvocato. Nei grandi studi, infatti, è difficile che il titolare segua personalmente ogni pratica, mentre le vertenze vengono smistate tra i collaboratori. L’alternativa del piccolo studio o dello studio di medie dimensioni soddisfa maggiormente i clienti che richiedono una maggiore attenzione personalizzata sulle proprie esigenze. Ogni avvocato a Torino è inserito in un contesto fatto di relazioni sociali e strutture di supporto, quali le agenzie di commissioni, le segreterie esternalizzate, i call center giuridici.

Scegliere un avvocato a Torino è uno dei percorsi possibili per ricevere una adeguata assistenza per le proprie problematiche.

Articolo redatto a Torino da Studio Duchemino il 12 dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *